Corte di Cassazione, Sezione lavoro, sent. 28 settembre 2017, n. 22720 – Pres. Mammone, Est. Calafiore, P.M. Mastroberardino, T. W. s.p.a. c. E. A.

Marcella Miracolini

Abstract


Donne – Licenziamento – Lavoratrice madre – Divieto – Art. 54 d. lgs. 151/2001 – Diritto alla conservazione del posto della lavoratrice madre – Nullità – Deroga in caso di cessazione dell’attività aziendale – Cessazione dell’attività di un reparto.

In tema di tutela della lavoratrice madre, la deroga al divieto di licenziamento di cui all'art. 54, comma 3, lett. b), del D. Lgs. n. 151 del 2001, dall'inizio della gestazione fino al compimento dell'età di un anno del bambino, opera solo in caso di cessazione dell'intera attività aziendale; sicché, trattandosi di fattispecie normativa di stretta interpretazione, essa non può essere applicata in via estensiva od analogica alle ipotesi di cessazione dell'attività di un singolo reparto dell'azienda, ancorché dotato di autonomia funzionale.

Women – Dismissal – Mother – Ban on dismissal - Legislative Decree 151/2001 art. 54 – Right to retain their jobs – Nullity – Exception in the evento of cessation of the acitity – Cessation of a single unit.

About the protection of mothers, the exception to the prohibition of dismissal, according to the article 54, co. 3, lett. b), D. Lgs. n. 151/2001, from the beginning of their pregnancy to the end of the maternity leave, shall apply in the case of cessation of the total activity. The rule cannot be applied extensively or analogically in the event of the end of a functionally autonomous unit. 


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Precedenti conformi: Cass. 7 agosto 2013, n. 18810; Cass. 31 luglio 2013, n. 18363.

Commento di Marcella Miracolini in questo Volume nella sezione Note a Sentenza


';