La protezione antidiscriminatoria contro le molestie sessuali vale an­che per le regole probatorie

Lucia Venditti

Abstract


Abstract As for safeguards at work, sexual harassment is considered equivalent to gender discrimination according to art. 26, par. 2 of Legislative Decree 198 of 2006. Such correspond­ence – in line with the interpretation most compliant with the Union law scope – is extended to the applicable system relating to presumptive evidence stated by art. 40 of the same Decree, as no exception to the general principle can be envisaged and a negative differential treatment (tertium comparationis) with respect to other gender employees not suffering similar unlawful actions can be identified. (In the specific matter the Supreme Court has confirmed the ruling of the ordinary judge who had considered relevant the witnesses statements together with sup­porting statistical evidence on extremely high “turn over” of young female employees who kept resigning shortly after their hiring without any apparent motivation)

Riassunto - In tema di tutela contro le molestie sessuali nel rapporto di lavoro, l'equiparazio­ne alle discriminazioni di genere enunciata nell'art. 26, comma 2, del d.lgs. n. 198 del 2006, secondo l'interpretazione più conforme alle finalità proprie del diritto comunitario, si estende al regime probatorio presuntivo ex art. 40 del medesimo decreto, sia per l'assenza di deroghe al principio generale, sia per la configurabilità del "tertium comparationis" nel trattamento differenziale negativo rispetto ai lavoratori del diverso genere che non patiscono le medesime condotte. (Nella specie, la S.C. ha confermato la decisione del giudice di merito che aveva va­lorizzato le deposizioni testimoniali corroborate dalla prova statistica, individuata nel serrato "turn over" tra le giovani dipendenti che, dopo breve tempo dall'assunzione, si dimettevano senza apparente ragione).


Parole chiave


Discriminazione di genere; molestie sessuali; regime probatorio; li­cenziamento ritorsivo; Gender discrimination; sexual harassment; evidence system; retaliatory dismissal;

Full Text

LEGGI IL PDF

Riferimenti bibliografici


A. Lassandari, Le discriminazioni nel lavoro. Nozione, interessi, tutele, in Trattato Galgano, LVI, Padova, 2010, 65.

Venditti, Le molestie sessuali sul lavoro in Italia: fattispecie e rimedi giuridici, DML, 2014, 393-397.

G. De Simone, Le molestie di genere e le molestie sessuali dopo la direttiva CE 2002/73, RIDL, 2004, I, 399 ss.;

D. Izzi, Eguaglianza e differenze nei rapporti di lavoro. Il di­ritto antidiscriminatorio tra genere e fattori di rischio emergenti, Napoli, 2005, 190 ss.;

P. Chieco, Una fattispecie dai contorni sfuggenti: la molestia nei rapporti di lavoro, RIDL, 2007, I, 71 ss.

R. Del Punta, Diritti della persona e contratto di lavoro, in Il danno alla persona del lavo­ratore, (AIDLaSS, Atti del convegno nazionale, Napoli 31 marzo – 1° aprile 2006), Milano, 2007, 52 e 69;

P. Bellocchi, Il licenzia­mento discriminatorio, ADL, 2013, 844 ss.

L. Lazzeroni, Molestie e molestie sessuali: nozioni, regole confini, in M. Barbera (a cura di), Il nuovo diritto antidiscriminatorio, Milano, 2007, 384 ss.;

E. Tarquini, Le discriminazioni nel lavoro e la tutela giudiziale, Milano, 2015, 40;

S. Scarponi, La nozione di molestia secondo il decreto di trasposizione delle direttive antidiscriminatorie. Affi­nità e differenze in materia di mobbing, in F. Fabeni, G. Toniollo (a cura di), La discrimina­zione fondata sull’orientamento sessuale, Roma, 2005, 249.


';



 

Direttore Responsabile: Calogero Massimo Cammalleri
Sede e direzione: Via Selinunte n.1 90141 - Palermo (PA), Italia
Redazione: c/o Dipartimento di Scienze Economiche Aziendali e Statistiche (D/S.E.A.S.) dell'Università degi Studi di Palermo
Viale delle Scienze, Edificio 13, 90125 Palermo (PA) - Italy
Registrazione Tribunale di Palermo n.29 del 19 ottobre 2005